Tag Archives: telefilm

#9 challenge – your favorite blog

1 Nov

[non essendo mai riuscita a proseguire, ho realizzato che la causa principale del mio blocco era il non riuscire a rispondere ad alcune delle consegne.. così alla fine ho deciso di prenderne una ogni tanto come spunto, senza ordini cronologici o di altro genere.]

 

Your favorite blog.
Il tuo blog preferito.

Partiamo dal presupposto che non seguo molti blog, e beh l’unico che controllo quasi quotidianamente è LezPop – LA CULTURA POP IN SALSA LESBICA.

Seguo le ragazze che ci scrivono fin dal loro precedente “All the beauty you’ll ever need”.

Come il titolo lascia facilmente intuire, si tratta di un blog che parla di omosessualità femminile, ma con uno stile molto pop appunto. Trovo che sia assolutamente necessaria la sua esistenza, è indispensabile che ci sia qualcuno che ne parli, che faccia informazione politica|culturale|sociale, ma soprattutto che lo faccia con cotanta freschezza e ironia e naturalezza. E’ un mash-up tra una guida alla sopravvivenza, un circolo artistico, un angolo di pace nella giornata, un promemoria e uno sprone.
Con la loro penna (o meglio tastiera) leggera, sarcastica, diretta, friendly e anche pungente queste donne affrontano temi di ogni genere, anche per nulla correlati all’ambito queer – cosa da non sottovalutare, perché contribuisce a non rendere un piccolo ghetto di di acide recriminazioni. C’è una fantastica rubrica di cucina vegana, un manuale per il perfetto rimorchio (che pare sia molto efficace), la cara vecchia e un po’ vintage posta del cuore, recensioni di telefilm, un angolo del “era meglio tacere” che raccoglie le più assurde dichiarazioni omofobe, post sull’arte, i libri, il cinema, segnalazioni di eventi e iniziative a tema, profonde riflessioni su questioni politiche e non, gay e non, infine anche un’intera categoria dedicata alle mutande.

lezcook

Penso di non poter dire molto altro, vi invito semplicemente a farci un salto e a scoprire il genio che sta dietro a questo stupendo blog.

Ridiculously romantic

10 Apr

Buonsalve :3

Mi rendo conto di essere sparita nel nulla, ma tra il tempo dedicato – fisicamente e/o intellettualmente – al Valle e i trigliardi di esami da dare, il tempo che rimane è davvero poco ed è quasi tutto occupato dalla visione di telefilm. (Dovreste comprendermi.)
Ed è proprio a questo proposito che sono qui..

Sono caduta nel tunnel Queer As Folk, proprio intera, con tutta le scarpe, in un solo botto e lo sto arredando con molto piacere. XD
Questa Serie si è guadagnata il mio cuore nel giro di pochissimi episodi, mentre Brian/Justin me l’hanno rubato dopo i primissimi minuti.

E’ bastato veramente poco ed ho immediatamente avuto la voglia di fanartare su di loro, perché sono troppo TROPPO belli. Beh, intanto lo sono esteticamente/graficamente e poi sono ridicolmente stupendi in ogni loro interazione, nei loro sentimenti e nei loro modi di manifestarli (tanto che sono schizzati sul podio delle mie ship).

Ci sarebbero numerosissime scene che avrei potuto usare – e tempo/studio permettendo lo farò! – ma non potevo che iniziare da qua.. dal Finale della Season 1.
Brian, nonostante il suo essere Brian XD, va al Prom da Justin e, che che ne dica, per quanto non lo ammetterebbe mai, è una (ennesima, aggiungerei) dimostrazione di quanto ci tenga e quanto sia forte quello che prova per lui.
Va al Prom, ballano, si baciano, in mezzo alla pista, in mezzo a tutti, con una favolosa canzone di sottofondo. Sono meravigliosi, sono pieni di vita e di amore. E’ la notte più bella della loro vita – anche se ridicola e romantica! Ma poi arriva quel essere ignobile che colpisce quasi mortalmente Justin. E lì.. lì vediamo Brian rompersi. E’ proprio visibile, nella sua espressione, che qualcosa dentro gli si è strappato e che Justin è la cosa più importante che abbia e che non potrebbe stare senza di lui. Senza bisogno di Una Sola parola… Gale riesce a comunicarci e trasmetterci la totale intensità dei sentimenti di Brian.

La mia speranza era di riuscire a riportare questo.. questo amalgama di emozioni, amore, dolore, ricordi, rimpianti, desideri che Brian ci mostra in quel finale.

Non so se ci sono riuscita o se per lo meno mi ci sono avvicinata, e non so scegliere tra le due versioni che mi sono venute fuori.. quindi eccovele entrambe.


 1366×768


 1366×768

Enjoy

*–*

2011 The Year in Review

30 Dic

A breve il 2011 arriverà alla sua conclusione, lo guarderò andar via con un po’ di nostalgia. Questi mesi mi hanno dato tanto.. Li ho iniziati con il piede completamente sbagliato e mi prospettavo un periodo difficile e pesante. Non mi sarei mai immaginata che potesse invece essere un anno così ricco, un anno di (ri?)nascita. Sento di essere ‘sbocciata’ – almeno per alcuni aspetti. Ho una dose di consapevolezza/e in più rispetto a prima. Un bagaglio di esperienze sicuramente più folto e più colorato. Ho scoperto Roma e la sua bellezza, a cui non avevo mai dato molto credito. Ho capito cosa vuol dire lottare per una causa. Ho imparato il valore del mio impegno, quello della passione, la mia forza di volontà. Ho scoperto che so mettermi in gioco. E così ho trovato aspetti di me che non conoscevo, che credevo perduti o che non riuscivo a vedere. Sono cresciuta, sono più la donna che sto diventando. Sono cambiata, ho abbandonato alcune paure e insicurezze o forse per meglio dire ho imparato a gestirle, a conviverci. Ho imparato che se ne vale la pena, sono in grado di superarle e di andare oltre. Ho imparato che le persone nuove si possono lasciar entrare, anche senza una rete di protezione e che possono impreziosire la tua giornata, la tua settimana, la tua vita incommisurabilmente. E beh questo 2011 mi ha dato modo di conoscerne tante di nuove persone. Tutte a loro modo mi hanno lasciato qualcosa di importante, mi hanno svegliata, segnata, scaldata e fatta crescere. Ne sono davvero molto grata. Ci sarebbe poi un grazie speciale per quelli tra loro che sono riusciti a entrar a far parte del mio cuore, della mia esistenza, di quello che sono e di quello che voglio essere.

Da brava Meme-maniac, a fine anno non me ne perdo nessuno di quelli per rievocare gli eventi, le preferenze, le esperienze, le novità, gli innamoramenti dei 12 mesi passati! Ma essendo troppi e anche un po’ ripetitivi, ho pensato di fare un unico post un po’ riassuntivo dei vari che ho trovato.

Continua a leggere

Hannah Witton

20-something, history graduate, YouTuber, sex positive, Hufflepuff.

Epentesi

come my unseen, my unknown, let us talk together

Mi faccio un cocktail al giorno

Forse quella storia sull'essere più positivi l'ho presa un po' troppo alla lettera

Sexitudini

Il blog delle beatitudini

Sopravvivere non mi basta

La libertà è un esercizio quotidiano

#Centonovantaquattro

Basta un poco di zucchero e la pillola va giù

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Unisciduemondi

Nahyeli Malingamba

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: